Ripartiamo insieme

Posted by

Avrete notato che ho parlato sempre poco – tendente al niente – del lock-down. Ho tenuto fede a quanto mi ero ripromessa all’inizio di questo delirio.

Non mi pronuncio sulle scelte che sono state fatte, sugli impatti che hanno avuto. Non mi sostituisco a chi avrebbe avuto il dovere di minimizzare le ricadute, non solo sanitarie dirette, ma anche sociali ed economiche. Preferisco lasciar perdere.

Mi piange il cuore vedere Venezia vuota e ferma. Le città vuote sono innaturali. Le bellezze architettoniche del passato e del presente sono state progettate per essere viste.

L’overtourism era un problema, certamente, ma le città vuote, i musei vuoti, le chiese vuote, lo sono altrettanto.

Fatto sta che finalmente si inizia a intravedere la fine di questo delirio, una luce in fondo al tunnel.

Ma dal tunnel ci sarà chi ne uscirà a pezzi, e avrà bisogno di tutto il sostegno possibile per rialzarsi. E tra questi ci sono quanti si occupano di arte e cultura.

È per questo che nel mio piccolo offro alle attività artistiche o culturali veneziane la mia disponibilità a parlare di loro (ovviamente in forma del tutto gratuita) su queste pagine, per cercare di dare la massima visibilità per me possibile a quanto fanno e al loro nuovo futuro.

Chi fosse interessato può mandarmi una mail a aserialtravelerinsaor@gmail.com.

Duri ai banchi! E riprendiamoci la vita!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...